-A-
   -B-
   -C-
   -D-
   -E-
   -F-
   -G-
   -I-
   -L-
   -M-
   -N-
   -O-
   -P-
   -Q-
   -R-
   -S-
   -T-
   -U-
   -V-
   -W-
   -Z-
   HomeSOGGETTAZIONE (NUOVO SOGGETTARIO)Indice dei Soggetti-D-

-D-

DATE, ruolo nel soggetto, 1.12.; compendio delle formule da usare nelle espressioni temporali, 1.12.4., in particolare nelle bibliografie, 2.B1., unite a stati, esempi, 1.07.3., 1.13.2.; unite ad eventi, esempi, 1.09.1., 1.11.2.2., 3.i6., 3.O1., .3.P3, 4S1.O3.1., 4G1.V1.5.; doppia datazione, 1.12.2., 1.12.3., e v.a. 3.P3.b), 4P2.S2., e passim, in particolare per bibliografie, al par. 2.B1.; per processi, 4D1.P1., per le date fra parentesi uncinate unite a eventi e a stati, v. PARENTESI UNCINATE. - Uso del trattino, 1.11.2.1., esempi, 2.i1.B.-C.; uso della barra, v. gli esempi ai par. 2.A2.2.; date per periodici, 4E2.P1.; e v.a. ESPRESSIONI TEMPORALI

DEFINIZIONI GIURIDICHE, 4D1.D1.

DELEGA, 3.D1.

DEPUTAZIONI, 1.14.1.

DERIVAZIONE, 3.D2., esempio, 2.D3.9., v.a. ELEMENTI, INFLUSSI, SOPRAVVIVENZE

DESCRITTORI (fra due trattini), 1.03., ric. 1.12.1., 1.13.3., 3.C6.

DESCRIZIONI, 3.D3., e v. 3.T1.1., esempi, 4A1.A2., 4G1.V1.2.; quando il termine è considerato pleonastico, 2.C1.2.4.

DESINENZE, 4L1.L1.2., di un dialetto, 4L1.L1.3.

DESTINAZIONE (ruolo complementare), 1.08.2., ric. 1.03.

DETERMINISMO, 4F1.1.

DETTI e MOTTI (ma non come espressione unitaria), repertorio, 2.R1.1.7.

DIAGNOSTICA, 4M2.6.

DIALETTI, 4L1.L1.3.; esempi, 1.09.1.; testi, glossario, 2.G1.B.; e v.a. DIZIONARI, LETTERATURA DIALETTALE

DIARI, 4P1.3.2.3.

DIDATTICA, esempi, 4i1.07., 4i1.11.

DIFESA (nelle cause), ruolo nel soggetto, 4D1.P1.5.

DIFFERENZA, 1.03., 1.07.3., 1.08.2., 1.09.2.

DIFFUSIONE, 3.F1.

DIGESTO, v. CORPUS IURIS CIVILIS

DIMORA, 4G1.V1.6.

DINASTIE, fra parentesi uncinate, 1.15.; e v.a. SOVRANI

DIPARTIMENTI di Università, 4E3.U1.2.

DIPENDENTI, 4P1.2.2.

DIPINTI, casi in cui si usa al posto di Pittura, 4A1.A2. e nota a esempi: 2.C1.2.2.B), 4A1.A2.2.

DIRITTI 4D1.D2., ric., 4P1.1.

DIRITTO, 4D1. passim, in particolare: 4D1.D2., esempi, 1.09.1.,  2.B1.2., 2.C2., ric. per un caso nel quale non deve essere usato, 1.11.1.1; definizioni giuridiche, 4D1.D1; fonti, 4.D1.D2.6; dizionari, 2.D3.7.; enciclopedie, 2.E2.C.; indici, 2.i1.B; massimari, 2.M1.; periodici,  4E2.P1.3.-4., repertori, 2.R1.1.8., teorie, 4D1.D2.4.; e v.a. CODICI IN SENSO GIURIDICO, GIURISPRUDENZA, LEGGI

DIRITTO ATTICO, 4D1.D2.6.; ,COLONIALE, 4D1.T1.1.; COMPARATO, 4D1.D2.7.;COMUNE, 4D1.D2.2., 4D1.D2.6.; COMUNITARIO, 4D1.D2.8.; COSTITUZIONALE, 4D1.C1.2.; EBRAICO, 4S1.P1.4.E1.; INTERNAZIONALE, 4D1.D2.8., 4E1.i2.,  giurisprudenza, 4D1.G1.;esempio di dizionario, 2.D3.7.; ISLAMICO, 4S1.P1.4.A1.; REGIONALE, 4D1.R1.1.; ROMANO, 4D1.D2.2., 4S1.P1.4.R1.2., esempi, 2.B1.1.02., 2.C2., 2.D3.09., 2.R1.1.8., 4D1.D1. ; fonti, 4D1.D2.6.; RUSSIA, 4S1.P1.4.R2., UNIONE SOVIETICA, 4S1.P1.4.R2.

DISAMBIGUAZIONE, 1.11.1.1. – non si usano le discipline come qualificazioni per concetti astratti, 3.C3.

DISCIPLINE, 1.08.2., per la storia come elemento nucleare, 1.12.1., 1.12.2. - (faccetta) uso del singolare e del plurale, 1.10. – Da non usare come qualificazione per disambiguare, 3.C3.

DISCOGRAFIE (forma bibliografica), 2.D1.; 4P2.M1., ric. 1.01.

DISCUSSIONE, 3.D4.

DISEGNI, esempi, 4P1.4.A1.3.; cataloghi, esempi, 2.C1.2.2., 2.C1.2.4., 2.E3.1., 2.E3.2.; disegni [di] architettura, 2.E3.1.

DITTE, 2.D2.

DIVINITà GRECO-ROMANE, 4D2.D1.

DIZIONARI (forma bibliografica), 2.D3., ric. 1.01., 1.02., esempio, 4i1.11.; biografici, 2.D3.A.; comparati (poliglotti), 2.D3.A., 2.D3.4.,   bilingui, 2.D3.2. , 2.D3.3.; di dialetti, 2.D3.1., non si usa il termine in caso di di gerghi e linguaggi, 2.D3.A.; e v. a. Dizionari bilingui; di una regione, 2.D3.1.; di una città, 2.D3.1.;  enciclopedici, v. ENCICLOPEDIE; etimologici, 2.D3.5., 2.D3.9., 4L1.O1.1.; fraseologici, 2.D3.5.; giuridici, 2.D3.7.; inversi, 2.D3.5.; metodici, 2.D3.5.; specializzati, 2.D3.6.; specializzati comparati, 2.D3.8.; di gerghi, 4L1.L1.4.2. – Uso dell’aggettivazione, 2.D3.5.

DOCUMENTI, 4P2.D1.; , collezioni di, 2.C1.2.2., ruolo negli inventari, 2.C1.2.2. ; esempi, 1.12.1.; Materiale documentario, voce scartata, si usa Cimeli [e] documenti,  2.C1.2.3.

DOMINAZIONE, 3.D5.

DRAMMA GRECO, 1.12.6.

DRAMMI, non richiedono soggetto, 1.02.

DUE PUNTI, 1.11., fra spazi per i nomi di persona, 1.15., ric. 1.11.4., per i sottoenti, 1.14., 1.13.5.3.(3), ric. 1.11.4., 4E3.A1.1., es. 1.09.2.5), e v. a. alle voci ORGANI, SOTTOENTI. – fra parentesi quadre, introduttivi di una relazione quasi generica, 1.11.4.2)  dei casi, 1.08.2., 1.11.4.2b), esempi, 4C1.S1., 4P2.S2.1.; dei temi, 1.11.4.2a), 2.C1.2.2., 3.T1., per una legge singola, 4D1.L1.3., 4D1.R1.2., per i processi, 4D1.P1.1.; di altre relazioni quasi generiche, 1.11.4.2c), esempi, 2.R1.1.8., 3.A6., 3.C5., 3.D3.2., 3.T1.1., 3.T2., 4L1.L1.5., 4P1.3.4., 4P1.4.A1.3.A.,  4P2.E1.3.

DUOMO DI, esempi, 1.08.1.

DVD (forma materiale), 1.08.2.

Copyright © CILEA 2009 Home