HomeSOGGETTAZIONE (NUOVO SOGGETTARIO)2. Voci Generali2.M1. MASSIMARI

2.M1. MASSIMARI

 

Appartengono alla categoria Cose, faccetta Forme.

 

 

2.M1.A. SIGNIFICATO

 

Si usa questa voce per raccolte di massime estratte da sentenze, generali o riguardanti argomenti particolari, di tutta la giurisprudenza, o della Cassazione, del Consiglio di Stato, etc.

 

Se non si tratta di raccolte, ma di semplici massime su un argomento, la voce da usare è Massime giurisprudenziali (categoria Cose, faccetta Strumenti)

 

 

2.M1.B. RUOLI

 

È concetto chiave di una stringa solo se si tratta di uno studio che riguarda i massimari come genere.

Assume però un ruolo complementare quando di una pubblicazione precisa il taglio della trattazione e il suo tipo di organizzazione, e allora si parla di Forma bibliografica e il termine segue tutti gli elementi del nucleo.

 

Locazione - Giurisprudenza – Italia - Massimari

 

Locazione - Giurisprudenza - Francia - Massimari

 

Fallimento - Giurisprudenza – Italia - Massimari (Per P. Scalini, Il fallimento e le altre procedure concursuali. Massimario di giurisprudenza)

 

Italia : Corte di cassazione penale - 1946-1955 - Massimari (Per Massimario della giurisprudenza penale della Cassazione

 

Italia : Consiglio di Stato - 1932-1961 - Massimari (Per Massimario completo della giurisprudenza del Consiglio di Stato)

 

Negli ultimi due esempi Italia : Corte di cassazione penale e Italia :Consiglio di Stato  sono concetto chiave nel loro insieme perché si tratta di un ente territoriale nei confronti di un suo organo (che si scrive preceduto da due punti fra spazi come sottoente). Giurisprudenza non si aggiunge in quanto il termine Massimari indica di per sé che si tratta di decisioni dei due organi.

 

E v. al par. 4D1.G1., voce GIURISPRUDENZA all’interno del capitolo 4.

 

Copyright © CILEA 2009 Home